SponsorWeek nr.24
SponsorWeek nr.24

Settimana Nr. 24 per #SponsorWeek, la nostra selezione settimanale di articoli fatta per darti spunti da usare subito nella tua ricerca di Sponsor.

Clicca qui per ricevere GRATUITAMENTE #SponsorWeek nella tua casella mail!

La mail viene spedita agli iscritti e qui nel sito pubblichiamo il nostro punto di vista su quelle stesse notizie.
Immagina: come potrebbero sentirsi gli uffici marketing delle aziende a cui ti stai rivolgendo per la sponsorizzazione se gli proponessi alcune delle idee scritte qui sotto?

Come sfruttare la visibilità delle sponsorizzazioni

Il sito rivierasport.it ha pubblicato un articolo dal titolo “Pubblicizza la tua azienda con lo sport“. All’interno del testo si trovano delle idee per sfruttare al massimo la grande visibilità offerta, soprattutto, dal mondo del calcio.

Dopo poco, però, l’articolo prende una strana piega – almeno ai miei occhi di marketer fissato con le sponsorizzazioni. Si concentra, prima sulla possibilità di regalare i biglietti delle partite ai fornitori aziendali e poi, cambiando completamente tone-of-voice affronta la possibilità di creare eventi a cui invitare clienti e fornitori attraverso la realizzazione di biglietti “che definire esclusivi sarebbe troppo riduttivo.” – cit. 🤔😮

Cosa è successo?
Mi viene da pensare che l’articolo sia stato “sponsorizzato” da un’azienda che produce biglietti personalizzati: all’interno dell’articolo è presente un solo link che porta alla pagina di acquisto online di biglietti personalizzati.

Ma guardiamo il lato utile: in un solo articolo di #sponsorweek Nr.24 c’erano doppi spunti da poter sfruttare per la tua ricerca di sponsor.

Gli spunti (lato sportivo)

1 • Le sponsorizzazioni sportive offrono la possibilità di raggiungere un pubblico molto ampio. Più o meno tutte le attivi sportive. Il motivo che molti sport riescono a creare intorno a sé il tifo. E il tifo supera le barriere della gara in sé e dura negli anni. E anche la sponsorizzazione sportiva può durare nel tempo. A differenza di un evento, la sponsorizzazione nel mondo dello sport permette di avere una visibilità spalmata nel tempo e per un pubblico molto. L’articolo parla di abbigliamento da gara, merchandising, pannelli per le interviste e aree hospitality: sono tutte azioni semplici da fare e che devono essere proposte alle aziende quando gli si chiede la sponsorizzazione.
Per avere più facilità a proporre il lato economico della sponsorizzazione, è consigliato creare dei pacchetti:
→ Argento-Oro-Platino.
→ Mini-Midi-Maxi
→ Basic-Top-Max
→ Poco-Abbastanza-Il massimo possibile.
Chiamali come vuoi ma crea almeno 3 opzioni da presentare ai reparti marketing delle aziende in modo che possano scegliere come e quanto investire.
BONUS: oltre i pacchetti avvisa SEMPRE le aziende che tu e lo staff siete disposti a valutare insieme a loro altre forme di coinvolgimento del Vostro pubblico. Ricorda che, aziendalmente parlando, non gli interessi ne tu ne il tuo sport ma solo il pubblico che riesci a raggiungere.

2 • Crea delle occasioni per radunare gli sponsor e i tuoi tifosi. Potrebbe essere una cena sociale ad invito. Un concorso di idee promosso dallo sponsor. Una trasferta speciale. Un incontro tra squadre e tifosi nella sede dello sponsor. Le possibilità sono tante e con un po’ di fantasia – tua o del reparto marketing dello sponsor – potreste inventare qualcosa di originale e piacevole per tutti.
L’importante, comunque, è che qualcosa venga fatto.
Proporre il logo sul borsone o sul pannello delle interviste non basta più. Devi riuscire a creare qualcosa che faccia capire alle aziende che gli stai proponendo qualcosa di speciale e difficilmente replicabile a parità di costo. Metti il tuo pubblico al centro della tua ricerca di sponsor e vedrai che otterrai più sponsorizzazioni, più velocemente e con budget più alti.

Gli spunti (lato sponsor)

3 • Hai un pubblico e devi trovare il modo di farlo fruttare. In questo caso è stato fatto da un articolo forse sponsorizzato ma tu puoi farlo con articoli sicuramente sponsorizzati. Meglio se nel tuo sito o via newsletter ma possono andare bene anche i social. Sfrutta il tuo pubblico, i tuoi tifosi, i tuoi iscritti, i tuoi amici, i tuoi fan. A loro non dispiacerà perché sanno di essere merce di scambio, a te non costa nulla e il tuo sponsor sarà felice perché è proprio a loro che punta quando decide di darti dei soldi.
Scrivi degli post che parlino del tuo sponsor e dei suoi prodotti. Puoi farlo in modo sfacciato – un paio di volte – o in modo più sottile anche tutte le settimane. La sponsorizzazione nell’articolo di rivierasport.it non era sfacciata ma era comunque presente: in fondo è stato fatto un articolo utile per i lettori e la sponsorizzazione ne è stata solo il contorno.
Creare articoli utili con sponsorizzazioni velate ha un doppio vantaggio: accontentare lo sponsor e avere spesso materiale nuovo da dare in pasto al tuo pubblico.

Rendiamocene conto: Fiat non è più italiana

La Fiat non è più un’azienda italiana, perché se lo fosse ancora non avrebbe MAI siglato un tale accordo di sponsorizzazione. Non è sempre questione di Business.
Ma, dal momento che la fusione con Chrysler ha trasformato Fiat in FCA e in un colosso globale dell’automobile, il cuore conta un po’ meno, il business un po’ di più ed ecco che il marchio Fiat (non la famiglia Agnelli) diventa SPONSOR DEL BRASILE. 😨😨

Fiat sarà sponsor della squadra maschile che giocherà la Copa América in casa, della squadra femminile per i mondiali in Francia nel 2019, della squadra giovanile che farà i mondiali il Polonia sempre nel 2019 e della squadra olimpica a Tokyo 2020. Poi Fiat continuerà ad essere sponsor del Brasile fino al 2022: l’articolo non dice se finirà prima o dopo i mondiali in Qatar. (ndr. speriamo prima, non vorrei vedere il marchio Fiat sul cappellino di Neymar durante i mondiali).

La sponsorizzazione prevede: “pannelli delle interviste, banner durante gli allenamenti e materiale di supporto”. Ma materiale di supporto potrebbe essere QUALUNQUE cosa.

Spunti?

Questi hanno scelto di sponsorizzare la nazionale Brasiliana di calcio. sacrificando la loro Italianità al Business. Qualunque spunto si possa apprendere da questa storia non lo troverai tra queste righe.

Azienda, dai un’occhiata a questo video.

Dal nostro canale YouTube

Essere sponsor per coltivare la base utenti

L’esempio arriva da Distralec, e-commerce europeo di prodotti elettronici che ha scelto di essere sponsor dell’Arduino Day 2019.

In Italia l’evento principale si è svolto al Luiss Hub di Milano e l’azienda Sponsor ha dato il nome al premio per il miglior progetto della giornata.

Le parole di uno dei responsabili di Distrelec, riportate nell’articolo di elettronica-plus.it, spiegano il motivo del coinvolgimento dell’azienda: “… è fondamentale per il collegamento con i futuri vertici decisionali e i creatori di soluzioni. È di estrema importanza per noi, in qualità di azienda, capire ciò di cui i nostri clienti avranno bisogno in futuro“.

Gli spunti

1 • Pensa ad aziende vicine al tuo pubblico. Le aziende non regalano soldi ma fanno investimenti. Prima di pensare alle aziende a cui chiedere la sponsorizzazione, pensa a chi sarà interessato alla tua iniziativa. Chi sarà il tuo pubblico? Appassionati? Giovani? Esperti? Donne? Che fascia di età riuscirai a raggiungere? Ti rivolgi a persone ad alto reddito o no? Rispondi a queste domande, pensa ai prodotti e servizi che potrebbero interessare il tuo pubblico e poi vai dalle aziende che hanno quei prodotti e servizi. Fagli sapere subito che hai già pensato al loro prodotto e al loro pubblico e che non sei lì perché stai battendo a tutte le porte ma perché credi che loro potrebbero avvantaggiarsi dei servizi che tu e la tua iniziativa sarete in grado di offrirgli.
BONUS: Parla di queste cose con l’ufficio marketing o con la proprietà. Evita la segretaria/centralinista e l’ufficio acquisti.

2 • Inventa qualcosa che ti faccia ricordare e che faccia parlare di te. Nel caso della Distrelec e dell’Arduino Day di Milano, l’azienda di e-commerce non si è limitata a far mettere il logo su volantini e sito web. Distrelec ha creato un premio.
Creare un premio non costa nulla ne a te ne all’azienda ma da ad entrambi la possibilità di aumentare l’interesse intorno all’iniziativa e fornisce materiale per almeno 2 o 3 comunicati stampa per entrambi. Oltre al materiale per sito e social.
Una volta assegnato il premio i vincitori saranno “per sempre” i vincitori del premio [nome sponsor].
Inoltre, nei giorni successivi, è probabile che saranno i vincitori stessi a diffondere la notizia della vittoria aumentano l’esposizione del marchio all’interno di un pubblico in target.

Sponsor e Crowdfunding a Pordenone

La notizia arriva da IlSole24Ore.com che, in un articolo molto dettagliato, spiega come la squadra di Calcio del Pordenone sia riuscita a convincere la sede locale di Confindustria a diventare Sponsor.

Tutto nasce a Dicembre 2018 quando la squadra, prima in Italia, ha lanciato una campagna di equity crownfunding: hanno messo a disposizione di tifosi e investitori benefit e il 40% delle quote della squadra. Obiettivo dichiarato raccogliere 2,2 milioni di Euro. 3 Mesi dopo la squadra ha incassato l’OK della sede locale di Confindustria che si farà promotrice dell’iniziativa presso le aziende del suo bacino, anche attraverso il presidente.
Inoltre Sponsorship diretta da parte di una controllata e iniziative della squadra rivolte verso l’ospedale oncologico fondato e amministrato proprio dalla Confindustria di Pordenone.

Gli spunti

1 • L’importanza delle pubbliche relazioni. Tra le righe dell’articolo si può leggere dei rapporti tra il presidente della squadra e quello di confindustria Pordenone, della loro vicinanza alla città e alla politica cittadina.
DEVI FARLO ANCHE TU.
Essere in contatto con persone influenti può essere importante per il successo della tua iniziativa.
Nelle nostre pagine parliamo soprattutto di sponsor economici ma si chiamano SPONSOR anche quelle persone che credono nella tua iniziativa e ti mettono in contatto con realtà commerciali disposte a diventare sponsor economici.
Queste 2 azioni – conoscenze influenti e contatti – rientrano nelle azioni che le tua pubbliche relazioni devono avere come obiettivo.

2 • il Crowdfunding
È strano. È particolare. È sulla bocca di tutti. Sembra facile ma non lo è. È il crowdfunding. Spesso gestito come una richiesta a mano tesa portata nel 21° secolo.
Non è certo il caso del Pordenone Calcio che ha messo a disposizione benefit e quote della squadra ma troppo spesso il crowdfunding viene gestito proprio come una raccolta fondi.
Per capire gli spunti che un’azione di crowdfunding potrebbe dare alla tua iniziativa, guarda il nostro video qui sotto. ⬇

In questo video si parla di crowdfunding.

Dal nostro canale YouTube

RedBull crede negli e-games

Sarà per il pubblico giovane, sarà per la concentrazione necessaria per ottenere grandi risultati, sarà perché i costi sono bassi e l’esposizione potenzialmente elevatissima – +40% di anno in anno.
Qualunque motivo ci sia alle spalle, e-sport e e-games stanno attirando i grandi marchi.

Nell’articolo di esportsmag.it che abbiamo riportato il #sponsorweek nr. 24 si parla di Red Bull e del campionato europeo di League of Legends. Secondo l’articolo la bevanda energetica sarà sia uno sponsor tecnico, fornendo lattine per le sessioni primaverili ed estive della e-competizione che un partner sviluppando insieme agli organizzatori degli eventi in tutta europa.

NOTA: Patrizio ha registrato il nostro video su Sponsor e Partner un anno e mezzo prima di leggere l’articolo di esportmag.it.

Gli spunti

1 • Sfrutta le sponsorizzazioni di altri per cercare sponsor per la tua iniziativa. È probabile che un’azienda che sponsorizza una iniziativa possa essere interessata a sponsorizzarne un’altra simile o con un pubblico simile.
Leggendo l’articolo si scopre che:
→ La sponsorizzazione di RedBull non è la prima nel campo degli e-sport. RedBull sponsorizza già tornei, squadre e giocatori.
→ altre aziende – c’è l’elenco – sponsorizzano il campionato europeo di League of Legends.
Se tu stessi cercando sponsor per un evento di e-game, sfruttare queste informazioni potrebbe esserti utile.
Nel caso in cui la tua idea non avesse nulla a che fare con gli e-games cerca informazioni su iniziative simili alla tua e analizzane gli sponsor.
Rivolgerti a quelle aziende, sapendo che già investono in sponsorizzazioni in un campo simile al tuo, potrebbe far prendere una piega interessante alla trattativa.
PLUS: per le iniziative più piccole è sconveniente rivolgersi alla “casa madre” ma lo stesso approccio può essere usato per avvicinare concessionarie, succursali, distributori e rivenditori locali.

2 • Coinvolgi il tuo sponsor e sfrutta la sua “potenza di fuoco”. È quello che hanno fatto gli organizzatori del Campionato Europeo di League of Legend, “concedendo” alla bevanda energetica la possibilità di organizzare eventi competitivi a brandizzati RedBull in tutta europa.
Fai un po’ di attenzione quando proponi allo sponsor di diventare partner e collaborare con te nell’organizzazione, potrebbe non essere ciò che sta cercando. Ma se trovi terreno fertile, approfittane e ci saranno grandi soddisfazioni per tutti.

A Cesena hanno chiuso gli sponsor in una stanza

Non si è trattato di un rapimento ma di una iniziativa pensata per favorire la creazione di rapporti economici tra i sostenitori della squadra.

La notizia arriva dal sito cesenatoday.it che, riportando un comunicato stampa, informa i cesenati che 49 aziende di 20 settori merceologici diversi, si sono ritrovate nella Club House dello stadio per lo Sponsor Day.

Lo spunto

Lo spunto in questo caso: Chiudi i tuoi sponsor in una stanza. 😂
Quello che ha fatto la squadra di Cesana non ha nulla di straordinario, è abbastanza facile da organizzare e non costa nulla.
(A patto che tu abbia inserito il coffee-break dello Sponsor Day nell’accordo di sponsorizzazione che hai siglato con il bar all’angolo).
L’occasione del Cesana è finita nella nostra selezione settimanale perché la dirigenza della squadra ha sfruttato l’occasione per far parlare di sè a mezzo stampa.
Il colpo da maestro? Inviare il comunicato stampa alle redazioni locali ha permesso alla dirigenza di avere una nuova freccia al suo arco: quando l’addetto alla ricerca di sponsor si recherà presso nuove aziende per chiedere la sponsorizzazione potrà mostrare, oltre ai numeri legati al tifo – stadio, social, web, newsletter, merchandising – anche l’articolo di stampa che mostra come, grazie al lavoro della squadra è possibile, per gli sponsor, siglare accordi “possibilità di creare sinergie e nuove opportunità di business ad aziende che condividono lo stesso tipo di valori” (cit.).

Siamo certi che, anche se la tua iniziativa è piccola, ha poco pubblico o budget limitato, tu possa prendere spunto da queste notizie e migliorare la tua ricerca di sponsor.


Ricorda, le aziende devono fare Business. Sempre!

KeySponsor

Se questi gli spunti non ti sembrano adatti al tuo caso, scrivilo nei commenti e ti daremo degli spunti più vicini ai tuoi bisogni.

Nella newsletter #SponsorWeek inseriamo una sezione speciale che abbiamo chiamato “Cosa fanno i BIG“. Non perché quelli qui sopra non siano grandi marchi o grandi eventi ma perché si parla di cifre monster, attivazioni costose, brand mondiali.

Dal momento che è bene imparare dai migliori ecco qui sotto lo spunto dai “Big Brand” di questa settimana.

Cosa fanno i BIG

Bayern Monaco e BMW giocano sullo stesso campo

Secondo un articolo del Corriere della Sera, la Volkswagen potrebbe vendere le sue quote della squadra alla BMW che, oltre a diventare socio sta pensando anche ad una sponsorizzazione decennale.
Un affare da più di 1 MILIARDO di euro: 800 milioni per l’8% della squadra ai quali vanno aggiunti almeno 300 milioni per 10 anni di sponsorizzazione.
→ Leggi qui: corriere.it.


Vuoi raccontarci un tuo esempio personale?
Scrivilo nei commenti in fondo al post.


Cos’è #SponsorWeek

#SponsorWeek è la nostra selezione di notizie che possono aiutare te e il tuo staff a migliorare la Vostra ricerca di Sponsor, grazie agli spunti che contengono.
Questa #RevieWeek 😵 spiega il nostro punto di vista su alcuni spunti presenti nella newsletter.

Ogni settimana, grandi aziende e piccole iniziative affrontano il mondo delle sponsorizzazioni. C’è tanto da fare e da imparare.

Per ricevere #SponsorWeek gratuitamente ogni settimana nella tua casella mail, compila il modulo qui sotto ▼


Hai delle domande?

Usa i commenti o clicca qui per chattare su Facebook Messenger.

Buona settimana e che tu possa avere sempre più sponsor, più velocemente e con budget più alti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *