SponsorWeek-nr.11
SponsorWeek-nr.11

Ogni settimana facciamo una selezione di articoli che possono esserti da stimolo. Lo scopo è quello di aiutarti a ottenere il massimo dalle sponsorizzazioni che stai cercando.
Immagina come potresti usare questi spunti per la tua ricerca di sponsor: idee simili a queste piacerebbero alle aziende che stai contattando?

TIM sponsor unico di Sanremo Giovani 2018

TIM

TIM, sì, quella della telefonia fissa e mobile, ha deciso di essere sponsor unico delle 2 serate di Sanremo Giovani. Messa in onda il 20 e 21 Dicembre su Rai 1. L’azienda di telefonia, tra l’altro è stata sponsor anche di “Ecco San Remo Giovani”, un preserale che ha presentato i giovani al pubblico. Grande impegno quindi da parte dell’aziende di telefonia verso un pubblico che, basandosi sul target che ha, è un po’ decentrato.

Gli spunti

  • Forse è un’azzardo ma il grande successo avuto da X-Factor 2018 potrebbe aver mosso il marketing di TIM. La trasmissione di SKY ha mostrato come i giovani, oltre ad essere bravissimi, siano attenti ascoltatori e partecipino da casa alle gare canore. Perché WIND ha abbandonato X-Factor?
  • TIM – mobile – ha sempre avuto un’attenzione per le tariffe per giovanissimi (articolate, ma presenti – ndr.). Essere sponsor unico a Sanremo Giovani e al preserale può avere avuto lo scopo di avvicinare un pubblico di giovanissimi attratti dalle super-offerte di Iliad (che sta per proporsi anche con l’iPhone).
  • A pensar male si fa peccato ma essere sponsor unici di entrambi i programmi , con una decisione presa gli ultimi giorni, potrebbe essere stato per TIM una semplice azione economica: costava talmente poco che era un peccato non approfittarne. Ce lo dirà il tempo.

I piloti fanno un gran bene agli Sponsor

Piloti MotoGP

Lo dicono i numeri raccolti in questo completo articolo di RTR Sports Marketing. L’articolo comincia parlando di social e del potere che hanno in qualunque campagna di comunicazione moderna. Il fatto che i piloti – RTR si occupa principalmente di sport motoristici ndr. – abbiano un enorme seguito di Fan e Follower sui social è un fattore che le case tengono in considerazione, a cui danno valore e che i Brand cercano.

Gli spunti

  • Lo diciamo da sempre e ci piace trovarne conferma: non basta avere dei canali social seguiti, serve studiare con lo Sponsor un calendario editoriale che permetta ad entrambi di sapere cosa fare e come e quando l’investimento andrà messo a frutto.
  • Non sono da sottovalutare nemmeno i numeri che sviluppano le testate giornalistiche, le loro copertine e i loro articoli che, possono portare molto il alto il livello di visibilità di un logo che ha investito nel mondo del motorsport.

Questo articolo e questi spunti vanno presi come considerazione generali perché sport minori, anche motoristici, non possono garantire certi flussi di visibilità. Da notare poi, che in MotoGP sono presenti Brand di carattere Globale mentre campionati più piccoli con sponsor più piccoli avrebbero meno vantaggi dalla pubblicazione di una foto su una rivista o da un post su un profilo social seguito da poche migliaia di persone diffuse su tutta la penisola.

Catania farà il capodanno grazie ai privati

Capodanno a Catania

Dopo la richiesta del comune sono arrivate per il Capodanno 2019 30 offerte di sponsorizzazione. Si tratta di offerte economiche o tecniche, da privati e partecipate comunali ma il fatto è che con i +100.000 euro raccolti anche quest’anno Catania potrà fare il suo Capodanno in Piazza. A parlarle meridionews.it che nel suo articolo spiega come, e da chi siano arrivati questi fondi. Il bando era stato pubblicato sul sito del comune il 23 Novembre

Lo Spunto

  • Questo è solo uno dei tanti esempi in cui il pubblico può avvantaggiarsi dell’interesse privato per il bene della comunità. Il qualche piega della legge di cui non staremo a parlare qui, i comuni sono addirittura sollecitati a chiedere donazioni volontarie ad aziende e cittadini.
    Proprio per questo non nascondo che in passato si era anche pensato di creare un progetto parallelo “KeySponsor PA” – non è detto che non parta – in cui far confluire le richieste pubbliche di finanziamenti privati. Per ora abbiamo preferito avvantaggiare il lato vicino al marketing, alla pubblicità, alla visibilità e all’attivazione del pubblico. I fondi per la PA sono un mero vantaggio fiscale con poca attenzione al brand ma vanno considerati anche questi.

Rimini si fa regalare le macchine nuove

Rimini

e lo fa con un’operazione davvero ben studiata. Negli uffici comunali hanno calcolato il valore dei mezzi e poiché lo scambio pubblicitario non era sufficiente hanno aggiunto al pacchetto la possibilità di parcheggiare i mezzi comunali – con adesivature di aziende private – in luoghi preferenziali con tanto di gazebo durante i principali eventi della città. Un metodo semplice, innovativo, che ha portato a costo zero un bene, aumentandone il valore percepito con un’altra idea a costo zero. Parola di altarimini.it. Un po’ come successo a Catania nella sezione precedente, Rimini aveva un problema da risolvere e non il budget. Esattamente come Catania (lo fanno tantissimi comuni – praticamente ogni rotonda d’Italia usa questa metodologia per la sua manutenzione) il comune di Rimini ha offerto pubblicità in cambio di un bene. Il bene sono dei veicoli la pubblicità l’adesivatura sul veicolo stesso.

Lo spunto

  • Lo spunto riguarda quel qualcosa in più che il comune di Rimini ha offerto: la possibilità di avere il mezzo parcheggiato con la pubblicità in posizione preferenziale durante gli eventi cittadini. Si tratta di un’idea. Di uno spunto. La differenza tra averla e non averla è la differenza tra avere o non avere il finanziamento ma si tratta di un’idea piccola. E e idee piccole sono quelle che fanno la differenza e possono permettere ad una ricerca di sponsor di ottenere successo. Pensaci.

Qatar Aiways ha preso Roma sotto braccio

qatar airways

Non voglio fare dietrologia sportiva e probabilmente questo gran giro di milioni di euro supera il tifo e ma Qatar Airways era sponsor del Barcellona quando nel 2017 la Roma – senza sponsor di maglia – l’ha eliminato i Blaugrana dalla Champions League. Adesso, diciamo pure che le coincidenze non esistono ma vedere i qatarioti che coccolano De Rossi e compagni fa un po’ strano. Ma a noi poco importa perché siamo qui a parlare di Sponsor e se Qatar Airways decide di investire su Roma, sul progetto romano e sul nuovo stadio ne avrà a beneficiare tutto il calcio italiano.

Gli spunti

  • Nell’articolo de Il Romanista ne trovo almeno 2. Da un lato abbiamo l’ambasciatore italiano in Qatar (uno di noi che sta lì) che dice che “il Qatar è ben disposto ad accettare qualunque investimento calcistico arrivi dal nostro paese”. In ottica di sponsorizzazioni questo vuol dire che l‘ambasciatore si fa lui stesso sponsor dei progetti italiani presso l’emirato e l’emiro dando in questo modo maggiore forza al progetto stesso.
  • Altro spunto interessante è la possibilità che Qatar Aiways non si limiti a sponsorizzare La squadra, i giocatori, qualche spot ma che investa direttamente nello stadio arrivandone a dargli il nome. Quella del naming è una pratica che sta prendendo sempre più piede in Italia e, in generale, consiglio, quando possibile, di inserirla sempre nel pacchetto sponsor: perché fa una grande figura, a te costa pochissimo e piace tanto.

Anche se la tua iniziativa ha poco pubblico o budget limitato sappi che puoi prendere spunto per migliorare la tua ricerca di sponsor anche dai grandi marchi mondiali.

Per questo motivo nella nostra newsletter inseriamo anche la sezione: Cosa fanno i BIG.
Ecco qui sotto di cosa si tratta e quali sono gli spunti da poter prendere.

Cosa fanno i BIG

La Liga Spagnola cerca sponsor tutti suoi.

La Liga ha dato incarico alla IMG di cercare sponsor globali. Lo scopo a detta loro è quello di aumantare la base di pubblico avvantaggiandosi grazie a rapporti di vicinanza con Brand già noti.

LO SPUNTO: Nel grande circo del calcio in cui girano montagne di quattrini tutti vogliono fare soldi – e non c’è niente se fatto in modo onesto. Dal punto di vista italiano la nostra FIGC cerca sponsor per la nazionale e per le leghe – che nel 2018/19 non hanno naming ma rimedieranno – sarebbe un curioso se la SerieA (Juventus, Napoli, Roma, Inter, Milan Lazio non proprio squadrette) cominciasse a cercare sponsor per se stessa. E nel tuo sport? Chi è che cerca gli sponsor tra i big?

ToTo “Toyo Toki” –ceramiche orientali – sarà sponsor dei mondiali giapponesi di Rugby

La notizia, di per sé, non sarebbe nemmeno una notizia se non fosse che queste ceramiche orientali sono ceramiche da bagno. Quelle famose con l’asse riscaldato, aria condizionata e doccino impertinente.

LO SPUNTO: questa azienda ha già venduto più di 30 milioni di pezzi ed è presente anche in Italia: https://it.toto.com e fa notizia solo perché abbiamo uno strano senso dell’umorismo. Se fosse stata Ideal Standard nessuno avrebbe alzato nemmeno un sopracciglio. E lo spunto? Essere sponsor del mondiale di casa, dello sport più nerboruto su piazza ha fatto fare al loro marchio un balzo di qualità, facendolo uscire dalla nicchia (30 milioni? non so se è una nicchia) per portarlo al grande pubblico.


Cos’è #SponsorWeek

Ogni settimana, grandi aziende e piccole iniziative affrontano il mondo delle sponsorizzazioni. C’è tanto da fare e da imparare.
#Sponsorweek è la nostra selezione settimanale di notizie ognuna delle quali, come hai letto qui sopra contiene diversi spunti che possono aiutare te e il tuo staff a migliorare la Vostra ricerca di Sponsor. 


Hai delle domande?

Puoi farci tutte le domande che vuoi sulle sponsorizzazioni usando i commenti qui sotto o usando la chat di Facebook Messenger.

Buona settimana e che la tua ricerca di sponsor ti dia sempre tante soddisfazioni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *